Sorry!

Questo è un sito di controinformazione, niente commenti. Ho a malapena il tempo di pubblicare i post, non ne ho per cancellare lo spam, i troll, controbattere a tutti gli ocoparlanti che dissentono e nemmeno per avere scambi di opinione costruttivi.

Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo. (J.W.Goethe)

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore.

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore. La sinistra italiana, in tutte le sue declinazioni, tramite i suoi partiti e le loro diramazioni, ovvero sindacati e associazioni, ha tradito la classe lavoratrice che rappresentava (nella quale è da considerare anche la piccola e media impresa), ha tradito l’Italia. Aderendo all’ideologia economica neoliberista e neoclassica e ai trattati di Maastricht si è alleata al fascismo finanziario, ma è soprattutto con l’adesione all’Euro, letale arma di distruzione di massa della classe lavoratrice, che si è manifestata come vassallo del potere della finanza e delle multinazionali, consegnando il nostro paese alla povertà, allo sfruttamento e agli interessi di poteri stranieri. Mentre in Europa rigurgiti di nazifascismo hanno preso il potere nessuna voce si leva da chi dovrebbe essere custode dei valori della resistenza. Svastiche, simbologia nazista e ritratti di filonazisti ultranazionalisti sfilano oggi per Kiev . Bombardamenti di civili vengono usati dal governo di Kiev come metodo di pulizia etnica in Novorossya e gli aiuti umanitari alla popolazione vengono pretestuosamente negati. Come i nazisti Poroshenko incita i propri soldati a uccidere dieci separatisti del Donbass in cambio di ogni camerata morto. Minacce di marce armate sulla capitale da parte dei nazisti paramilitari di Pravy Sector, che picchiano gli oppositori e distruggono le attività commerciali russe in ucraina, proprio come quando le camicie brune naziste distruggevano quelle degli ebrei. Tutto questo nell’indifferenza di chi da noi dovrebbe preservare e diffondere i valori della lotta partigiana che contro questi “mostri” ha lottato pagando un pesante tributo di sangue. E’ con l’approvazione di queste persone che abbiamo assistito allo spettacolo degradante di “Bella Ciao” cantata nelle aule parlamentari come segno di vittoria per l’approvazione della legge che consegnava miliardi di euro degli italiani alle banche azioniste della Banca d’Italia. Le stesse persone in parlamento che considerano terroristi i partigiani di Donetsk e Lugansk che combattono contro i nazisti mandati da Kiev e che hanno anche il coraggio ipocrita di appendere indegnamente nelle loro sezioni il ritratto di Che Guevara, infangandone la memoria. Non crediate che controllando i media e potendovi permettere di proporre un informazione censurata a vostro favore o addirittura falsa l’avrete sempre vinta, la controinformazione, a voi alternativa, ha la forza della goccia che lentamente scava la pietra, le opinioni lentamente stanno cambiando, i vostri giornali sono in crisi, alcuni chiudono e altri, come l’Unità, chiuderanno in futuro perché il popolo inizia a non credervi più e la storia vi attribuirà il ruolo che meritate: TRADITORI.

venerdì 4 dicembre 2015

Le regole di ingaggio dei bombardieri russi in Siria

Circolano sui social network filmati di drammatici bombardamenti in Siria a danno della popolazione civile, dei quali vengono incolpati inequivocabilmente i russi, tuttavia nei filmati non si vede nulla che li identifichi come i responsabili, quindi in realtà potrebbe essere chiunque tra quelli che effettuano raid aerei oltre ai russi, ovvero  siriani, americani, francesi, turchi, inglesi. Fra loro chi ha la minore probabilità di essere il responsabile, nonostante l'altissimo numero di raid, sono proprio i russi per via delle particolari regole di ingaggio concordate con l'esercito siriano, regole che pochi conoscono e che ora vi racconto. E' stato concordato che una volta identificato un obbiettivo militare se la sua distruzione mette a rischio la vita di civili, l'aviazione russa non se ne occupa e lo passa invece all'esercito siriano. Sarà loro responsabilità decidere il tipo di azione da effettuare, se effettuarla o meno, se usare truppe e/o artiglieria e/o aviazione. Quindi le bombe che arrivano sui civili o sono di tutti gli altri "contro Assad" che non hanno l'opzione di passare la patata bollente dei civili ai siriani o i siriani stessi. Un ulteriore fattore che limita la probabilità da parte dei russi di bombardare civili è il lavoro di intelligence e la tecnologia impiegata. Ogni obbiettivo una volta identificato viene analizzato con perizia tramite droni o satelliti e se possibile agenti sul campo, non è possibile così confondere edifici civili con obbiettivi di importanza militare. Una volta deciso il bombardamento esso viene effettuato di solito con bombe a puntamento GLONASS (il GPS russo). Si tratta di una tecnologia dove non c'è intervento umano, una volta nei pressi dell'obbiettivo un computer calcola altezza, distanza, velocità dell'aereo, velocità del vento e sgancia la bomba con una precisione tale che la tolleranza è contenuta all'interno di pochi metri, la bomba KAB-500s ad esempio ha 5 mt di errore massimo, situazione ben diversa dai lanci a normale caduta libera che possono avere un margine di errore anche di 300 mt ed erroneamente colpire innocenti. Non essendo lo sgancio effettuato dall'uomo non c'è possibilità di errore, dove invece un attimo di esitazione umana significherebbe non colpire o colpire l'obbiettivo sbagliato.
Per tutto questo ritengo che i filmati dei bombardamenti sui civili attribuiti ai russi è molto probabile facciano parte della solita propaganda antirussa e siano da attribuire ad altri, forse ai siriani a causa di errori in quanto non in possesso della precisa tecnologia di puntamento GLONASS, o chiunque della NATO presente in Siria, abbiamo visto solo qualche settimana fa come gli USA non si siano fatti problemi a bombardare l'ospedale di Medici Senza Frontiere a Kunduz in Afghanistan.