Sorry!

Questo è un sito di controinformazione, niente commenti. Ho a malapena il tempo di pubblicare i post, non ne ho per cancellare lo spam, i troll, controbattere a tutti gli ocoparlanti che dissentono e nemmeno per avere scambi di opinione costruttivi.

Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo. (J.W.Goethe)

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore.

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore. La sinistra italiana, in tutte le sue declinazioni, tramite i suoi partiti e le loro diramazioni, ovvero sindacati e associazioni, ha tradito la classe lavoratrice che rappresentava (nella quale è da considerare anche la piccola e media impresa), ha tradito l’Italia. Aderendo all’ideologia economica neoliberista e neoclassica e ai trattati di Maastricht si è alleata al fascismo finanziario, ma è soprattutto con l’adesione all’Euro, letale arma di distruzione di massa della classe lavoratrice, che si è manifestata come vassallo del potere della finanza e delle multinazionali, consegnando il nostro paese alla povertà, allo sfruttamento e agli interessi di poteri stranieri. Mentre in Europa rigurgiti di nazifascismo hanno preso il potere nessuna voce si leva da chi dovrebbe essere custode dei valori della resistenza. Svastiche, simbologia nazista e ritratti di filonazisti ultranazionalisti sfilano oggi per Kiev . Bombardamenti di civili vengono usati dal governo di Kiev come metodo di pulizia etnica in Novorossya e gli aiuti umanitari alla popolazione vengono pretestuosamente negati. Come i nazisti Poroshenko incita i propri soldati a uccidere dieci separatisti del Donbass in cambio di ogni camerata morto. Minacce di marce armate sulla capitale da parte dei nazisti paramilitari di Pravy Sector, che picchiano gli oppositori e distruggono le attività commerciali russe in ucraina, proprio come quando le camicie brune naziste distruggevano quelle degli ebrei. Tutto questo nell’indifferenza di chi da noi dovrebbe preservare e diffondere i valori della lotta partigiana che contro questi “mostri” ha lottato pagando un pesante tributo di sangue. E’ con l’approvazione di queste persone che abbiamo assistito allo spettacolo degradante di “Bella Ciao” cantata nelle aule parlamentari come segno di vittoria per l’approvazione della legge che consegnava miliardi di euro degli italiani alle banche azioniste della Banca d’Italia. Le stesse persone in parlamento che considerano terroristi i partigiani di Donetsk e Lugansk che combattono contro i nazisti mandati da Kiev e che hanno anche il coraggio ipocrita di appendere indegnamente nelle loro sezioni il ritratto di Che Guevara, infangandone la memoria. Non crediate che controllando i media e potendovi permettere di proporre un informazione censurata a vostro favore o addirittura falsa l’avrete sempre vinta, la controinformazione, a voi alternativa, ha la forza della goccia che lentamente scava la pietra, le opinioni lentamente stanno cambiando, i vostri giornali sono in crisi, alcuni chiudono e altri, come l’Unità, chiuderanno in futuro perché il popolo inizia a non credervi più e la storia vi attribuirà il ruolo che meritate: TRADITORI.

domenica 20 luglio 2014

MH17 quello che non ti dicono

Non sono qui per raccontarvi senza ombra di dubbio chi è o chi sono i responsabili della tragedia dell'MH17, diversamente dai media occidentali che hanno già crocefisso i ribelli di Donetsk io sono qui per informarvi sugli indizi raccolti sino a oggi, quelli che i media occidentali hanno portato alla vostra conoscenza e sopratutto quelli che vi hanno nascosto. Una volta acquisite queste informazioni credo che giungerete alla conclusione che ancora una volta i nostri media ci propugnano come per certa una realtà che invece potrebbe essere diversa.
- MH17 quel giorno non ha fatto la rotta di sempre ma è stato fatto volare 200 km più a nord.
- Di solito quando succede una disgrazia aerea le registrazioni dei tracciati radar e delle comunicazioni con l' ATC (Air Traffic Control, per "no artri" Controllo Traffico Aereo) vengono messe immediatamente a disposizione, è stato così per esempio per il volo aereo sempre della Malaysian sparito nel nulla lo scorso marzo. In questo caso invece le registrazioni sono state sequestrate dai servizi ucraini. Infatti nessun media ne parla nonostante sia la prima cosa che si dovrebbe controllare.
- Il controllore che seguiva il volo dall'ATC di Kiev era uno spagnolo, il quale in real time tweettava cosa stava succedendo. Raccontava di avere visto sul radar due caccia ucraini raggiungere MH17 e poi l'aereo è sparito dal radar. Aggiunge che immediatamente l'esercito ha occupato l'ATC, sono arrivati come se già sapessero tutto e gli hanno intimato di riportare la loro versione. Lo spagnolo ora è irreperibile e il suo account twitter è stato cancellato ma sul web non sparisce niente e i suoi tweet sono stati copiati e leggibili qui.
- i servizi ucraini hanno reso pubblica una intercettazione dove, secondo la loro ricostruzione, un capo dei ribelli parla con un russo dei servizi e racconta che hanno abbattuto un caccia ucraino e un aereo civile. Qui l'articolo di RT.com e qui quello del corriere (per avere un raffronto tra chi la smonta e chi la sostiene)
- L'esercito ucraino ha recentemente piazzato nella zona diversi lanciamissili Buk che hanno la capacità di abbattere aerei a 10.000 metri. Qui la notizia
- i ribelli hanno solo lanciamissili portatili che arrivano al massimo a 4.000 metri ma un giornalista occidentale sostiene di avere visto che i ribelli posseggono un Buk (purtroppo ho smarrito il link)

Di queste informazioni le uniche certe sono che la rotta di MH17 era diversa dal solito, che i servizi ucraini hanno requisito le registrazioni dell'ATC e che i Buk ce li ha di sicuro l'esercito ucraino, tutto il resto potrebbe essere falso. Se però prendessimo per vere tutte queste informazioni l'ipotesi che sembrerebbe più probabile, secondo me, configurerebbe uno scenario tipo Ustica: i ribelli col loro unico lanciamissili Buk "segreto" (probabilmente un "regalo" russo) rilevano due caccia, abboccano al tranello e lanciano un missile, uno dei caccia copre la sua traccia con quella del boing MH17 che, a differenza del solito quel giorno è stato fatto volare, forse apposta, 200 km più a nord, il boing viene colpito invece del caccia. Le registrazioni e i testimoni dell' ATC vengono fatti sparire, la verità che deve passare è che non c'era nessun caccia ucraino e tantomeno che uno di loro si è fatto scudo di un areo civile per vigliaccheria o per ordini superiori, bensì i ribelli sono dei terroristi che hanno deliberatamente abbattuto un aereo civile ammazzando 280 persone e quindi, come sogna la Timoshenko, vanno sterminati.Ci starebbe, anche se non riesco a immaginare come avrebbero fatto i russi a regalargli un mastodonte come un lanciamissili Buk senza farsi scoprire dato che il confine è supercontrollato coi satelliti spia USA.

Ma, colpo di scena, c'è un altra notizia che ho di proposito omesso e che assolverebbe i ribelli...questo è l'aereo di Putin confrontato con quello abbattuto:

Sarà un caso che si assomigliano?

Quasi uguali vero? Specialmente da un caccia che vola veloce diventa difficile cogliere le differenze. E se vi dicessi anche che l'aereo di Putin quel giorno ha fatto all'incirca la stessa rotta ma è passato 37 minuti dopo? Puoi approfondire qui

Beh ma allora i due caccia che intercettano l'aereo, la presenza dei lanciatori Buk ucraini (a cosa servono, i ribelli non hanno aerei) e Carlos, lo spagnolo dell' ATC che afferma nei suoi tweets che l'hanno abbattuto gli ucraini...ci hanno provato a fare fuori Putin ma è andata male...La colpa come adesso l'avrebbero data ai ribelli.


Ovviamente questa è solo un altra ipotesi e come verità vale zero. I russi hanno dichiarato che ogni traccia elettromagnetica emanata nella zona viene da loro registrata e che quindi è solo questione di tempo sapranno indicare da dove il missile è partito. Speriamo.

La prima domanda che mi sono posto appena ho sentito della tragedia però è questa: come si può essere così irresponsabili da fare volare un volo civile in una zona di guerra?