Sorry!

Questo è un sito di controinformazione, niente commenti. Ho a malapena il tempo di pubblicare i post, non ne ho per cancellare lo spam, i troll, controbattere a tutti gli ocoparlanti che dissentono e nemmeno per avere scambi di opinione costruttivi.

Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo. (J.W.Goethe)

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore.

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore. La sinistra italiana, in tutte le sue declinazioni, tramite i suoi partiti e le loro diramazioni, ovvero sindacati e associazioni, ha tradito la classe lavoratrice che rappresentava (nella quale è da considerare anche la piccola e media impresa), ha tradito l’Italia. Aderendo all’ideologia economica neoliberista e neoclassica e ai trattati di Maastricht si è alleata al fascismo finanziario, ma è soprattutto con l’adesione all’Euro, letale arma di distruzione di massa della classe lavoratrice, che si è manifestata come vassallo del potere della finanza e delle multinazionali, consegnando il nostro paese alla povertà, allo sfruttamento e agli interessi di poteri stranieri. Mentre in Europa rigurgiti di nazifascismo hanno preso il potere nessuna voce si leva da chi dovrebbe essere custode dei valori della resistenza. Svastiche, simbologia nazista e ritratti di filonazisti ultranazionalisti sfilano oggi per Kiev . Bombardamenti di civili vengono usati dal governo di Kiev come metodo di pulizia etnica in Novorossya e gli aiuti umanitari alla popolazione vengono pretestuosamente negati. Come i nazisti Poroshenko incita i propri soldati a uccidere dieci separatisti del Donbass in cambio di ogni camerata morto. Minacce di marce armate sulla capitale da parte dei nazisti paramilitari di Pravy Sector, che picchiano gli oppositori e distruggono le attività commerciali russe in ucraina, proprio come quando le camicie brune naziste distruggevano quelle degli ebrei. Tutto questo nell’indifferenza di chi da noi dovrebbe preservare e diffondere i valori della lotta partigiana che contro questi “mostri” ha lottato pagando un pesante tributo di sangue. E’ con l’approvazione di queste persone che abbiamo assistito allo spettacolo degradante di “Bella Ciao” cantata nelle aule parlamentari come segno di vittoria per l’approvazione della legge che consegnava miliardi di euro degli italiani alle banche azioniste della Banca d’Italia. Le stesse persone in parlamento che considerano terroristi i partigiani di Donetsk e Lugansk che combattono contro i nazisti mandati da Kiev e che hanno anche il coraggio ipocrita di appendere indegnamente nelle loro sezioni il ritratto di Che Guevara, infangandone la memoria. Non crediate che controllando i media e potendovi permettere di proporre un informazione censurata a vostro favore o addirittura falsa l’avrete sempre vinta, la controinformazione, a voi alternativa, ha la forza della goccia che lentamente scava la pietra, le opinioni lentamente stanno cambiando, i vostri giornali sono in crisi, alcuni chiudono e altri, come l’Unità, chiuderanno in futuro perché il popolo inizia a non credervi più e la storia vi attribuirà il ruolo che meritate: TRADITORI.

martedì 20 agosto 2013

12 - Per la restaurazione della sovranità popolare e per la ripresa economica.

Questa devastazione che ha ridotto le economie dei PIGS a livelli post bellici è conseguenza della deregolamentazione introdotta dalla dottrina neoliberista sulla quale è stata fondata l'Unione Europea. Prima dell'era neoliberista, iniziata attorno all' 80, in tutti i paesi i capitali non circolavano liberamente e c'era in vigore lo Glass-Steagal Act. Una legge nata nel 1933 in USA e attuata in tutto il mondo che sanciva la separazione tra banche commerciali e banche d'affari. Questo significava che le banche dove i cittadini depositavano i loro soldi potevano occuparsi della normale attività bancaria di gestire i conti correnti, mutui e prestiti ma non di investimenti rischiosi. Solo le banche d'affari lo potevano fare, utilizzando solo i capitali degli investitori. Questo metteva al sicuro i risparmi di cittadini e imprese perchè le banche dei risparmiatori non fallivano.

Questa tragedia che sta distruggendo la vita di milioni di europei ha dei responsabili, sono tutti quei partiti politici che supportano incondizionatamente l'Unione Europea e l'Euro che nel nostro paese in particolare sono quelli che lo fanno con “viva e vibrante soddisfazione”. Agli elettori di questi partiti dico questo: voi anche siete responsabili di quello che ci stanno facendo perchè voi continuate a votarli. Ora avete avuto tutte le informazioni per comprendere la situazione, capisco la perdita di autostima derivante da avere creduto a politici che vi hanno fatto fessi per anni e capisco i meccanismi psicologici che scattano per evitarlo, creando giustificazioni che polarizzano la vostra scelta, capisco la fine del sogno della grande Europa unita, lo capisco tutto questo perchè io ero uno di voi e ho provato le stesse cose. Ma basta un po' di umiltà e riuscirete ad ammettere di essere stati raggirati, il disonore è di quelli che vi hanno ingannato non è il vostro. E' il momento della rivincita verso questi politici corrotti e di rimettere a posto la democrazia e le conquiste dei lavoratori che ci hanno sottratto con l'inganno.

Per chi non lo sapesse il nostro attuale premier nel '97 ha scritto un libro intitolato “Euro sì. Morire per Maastricht”. In questo delirio sostiene che gli italiani devono essere pronti a sacrificarsi fino a morire in nome dell’Euro. Parole di un privilegiato che mai si suiciderà dalla disperazione per un futuro negato per mancanza di lavoro causato dall'Euro e dalla politiche europee di austerità, come invece per altri è successo già molte volte. Lui che va alle riunioni del Gruppo Bildeberg e della Commissione Trilaterale insieme all'elite finanziaria e industriale.

- Uscita da tutti i trattati dell'Unione Europea.

- Ritorno alla moneta sovrana

- Banca d'Italia sotto il controllo del Ministero del Tesoro.

- Applicazione della Modern Money Theory per il raggiungimento della piena occupazione.

- Reintroduzione delle norme di controllo delle finanza pre era neoliberista

- solo per i miei sogni purtroppo: punire duramente i responsabili

e torneremo come Italia ad avere nel mondo il ruolo che ci compete come era prima dell'era neoliberista, altro che PIGS.

Nessun commento: